Quanto tempo….

Questo povero blog è stato lasciato un po’ a se stesso e mi dispiace. La verità è che il tempo di fare continuativamente una cosa che non abbia a che fare coi bambini per più di cinque minuti non è possibile gestendoli praticamente da sola (potrei lasciare Ranocchia alla nonna quando voglio ma lei vede che la lascio dai nonni e me ne vado col fratello e mi dispiace quindi, almeno finchè sono a casa preferisco tenere anche lei con me).

Gestire due bimbi che si portano 21 mesi di differenza non è esattamente una passeggiata, soprattutto se cerchi di gestirli da sola. Mettiamoci inoltre che Ranocchio è un bimbo un po’ difficile, che nulla ha a che vedere con la sorellina e il gioco è fatto.

Ranocchio è esattamente l’opposto di sua sorella, gestire lei a confronto era una passeggiata di salute. Lei è quella che le tate del nido definiscono “una bimba esageratamente buona”, è quella che ha gattonato a 11 mesi e camminato dopo i 14, quella che non ha mai rotolato sul letto, la bimba che poppava ogni 3 ore fisse, dormiva tutta notte e mangiava ogni cosa che le mettevi davanti.

Ranocchio è quello che a quasi 8 mesi è già caduto 3 volte dal lettone perchè sembra un’anguilla, è quello che se gli gira male si attacca al seno ogni ora, il che significa che spesso si sveglia ogni ora.. E’ quello che non posso appoggiarlo per i fatti suoi per andare a fare anche solo la pipì che scoppia in lacrime isterico, ormai ho perso il conto delle volte che mi son fatta un bidet con lui addosso in fascia perchè mi spaccava orecchie e nervi coi suoi pianti isterici. Ranocchio è quello che farlo mangiare è un’impresa titanica e non vuole saperne delle pappine a volte nemmeno del nostro cibo, fosse per lui vivrebbe a latte di mamma e tra la questione risvegli e quella cibo inizio ad essere seriamente preoccupata per il mio rientro al lavoro che sarà tra un mese e mezzo circa.

In tutto questo aggiungere la fase “terrible 2” + gelosia annessa di Ranocchia, gli orari totalmente sfasati da quando è finito il nido e la sua impazienza cronica, un mix di cose che spesso la renderebbe insopportabile anche al Dalai Lama.

Ho passato momenti davvero difficili e bui, lo ammetto senza problemi perchè io personalmente sono dell’idea che la maternità è sì una bella cosa ma c’è pure il rovescio della medaglia come in tutte le cose. Per fortuna lunedì riprenderà l’asilo e spero si riprendano pure tutta una serie di routine che in questi mesi erano andate un po’ a farsi benedire, come in tutte le vacanze.

Oltre ai momenti bui però ci sono state pure le soddisfazioni suvvia… Il Ranocchio che ormai siede come un vero Lord, rotola a più non posso e tenta di gattonare. Il primo dentino uscito proprio ieri. I versetti ad ogni minuto. Ranocchia che ormai ci inonda di chiacchierate e ripete a memoria frasi dei suoi cartoni preferiti, in primis quelle di Rio sui pappagalli. Lo spannolinamento che avevamo provato a fare in luglio dopo la fine dell’asilo con risultati davvero deprimenti è ripreso per “curiosità” una settimana e mezzo fa e a sorpresa ad oggi siamo praticamente spannolate di giorno! Ammetto che mi dispiace un po’ archiviare i nostri amati e coloratissimi pannolini lavabili ma dopo due anni e mezzo di soddisfazioni stanno comunque passando al fratellino sempre con ottimi risultati, in barba a chi sosteneva che ero pazza e che non sarei riuscita gestire la cosa.. Tiè! 😀

Sono contenta di come si stiano evolvendo i miei cuccioli e sono certa che presto potranno giocare insieme e iniziare ad essere davvero fratello e sorella 🙂

Una cosa che sicuramente farò presto….

Sarà quella di recensire accuratamente tutti i tipi di pannolino lavabile & prodotti correlati che sto testando da quando è nata Ranocchia. Di tutte le blogger mamme con cui mi scrivo, solo due utilizzano i lavabili ma queste recensioni potrebbero essere utili alle future mamme che vogliono avvicinarsi a quest’universo. Certo, come dicono anche sul sito di nonsolociripà (che a me è stato molto utile per entrare nel mondo lavabile), ogni bambino è a se e, se noi ci siamo trovati bene con una tipologia di pannolino, non è detto che sia la stessa cosa per altri ma sicuramente per farsi un’idea di come funzionano e come sono fatti, una recensione non può che aiutare!

Attendo solo l’ultimo modello ordinato per testarlo e poi finalmente pubblicherò!

La frutta.

E fu così, che dopo la febbre post-vaccino (ehhh sì, stavolta non ci siamo schivati i terribili effetti collaterali) arrivò pure l’introduzione regolare della frutta. Ammetto di essere una mamma un po’ degenere, arrivata all’introduzione della frutta ancora non avevo comprato l’occorrente per lo svezzamento (piattini, posate, scodelle ecc…) e così ho tentato di rifilare alla Ranocchia la frutta con il cucchiaino normale. La verità è che la piccola sembrava gradire i sapori ma faceva abbastanza fatica.

Ieri, mi sono finalmente ricordata di portare con me a far spesa il buono per i neo-genitori che ci è stato dato quando è nata Ranocchia e con quello ho fatto i dovuti acquisti!! Ho preso le creme che ci serviranno per la pappa (riso, riso mais e tapioca, cereali misti.. tutto bio!), le posatine, le scodelle, un piattino con ventosa, un bibe grande (per più avanti..) e la grattugia per la mela (che con il minipimer non viene frullata come vorrei) e soprattutto LUI: un bel cucchiaino in silicone.

Ieri dopo aver frullato per bene mezza pera, l’ho messa in una scodellina e l’ho servita a Ranocchia col cucchiaino nuovo fiammante… Avreste dovuto vederla!!! Si buttava su di lui come un falco!!! Si è spazzolata tutta la mezza pera (di solito lasciava sempre lì almeno metà scodella) e dopo ha voluto pure la tetta!!!

Ho così deciso di iniziare a frullare/grattuggiare un frutto intero e darglielo sia a metà mattina che a metà pomeriggio. Sono felice che gradisca ma un po’ me lo sentivo.. Questa è ‘na magnona, l’avevo già notato 😀

E così, insieme all’introduzione della frutta è arrivata pure la cacchina più solida. Ve lo devo spiegare come sono contenta??? Per una che utilizza pannolini lavabili la cacca solida è una mano santa!! Oggi infatti ho fatto due cambi pannolo facili facili, il grosso è rimasto tutto nella velina e sul pannolino c’era solo l’alone giallo, per quello basta sciacquare, passarci un po’ la spazzolina e mettere pannolino e/o inserto al sole per una decina di minuti et voilà!! Pannolo smacchiato!

Adesso aspetto con ansia il 20, giornata in cui ho deciso di iniziare con la pappa a pranzo. Son davvero curiosa di vedere come andrà!

 

p.s.: mia modesta opinione, quelle dicerie sul fatto che la pappa frullata in casa faccia stare male i bambini perchè contiene aria che fa venire le coliche sono solo propaganda pro-acquisto di omogeneizzati messa in giro dalle case produttrici o dai distributori di macchine per liofilizzare/omogeneizzare. Il frullatore farà dell’aria ma appena metti la pappa nella scodella l’aria sparisce e a cinque/sei mesi le coliche del neonato in genere stanno già scomparendo. Io resto dell’opinione che le famose coliche gassose siano dovute più alla maturazione di stomaco e intestino che non a ciò che si mangia.

Progressi pannolineschi

Ieri notte abbiamo tentato.

Ho lasciato Ranocchia col pannolino lavabile tutta la notte, sperando che non si svegliasse sentendosi bagnata.

E’ andata bene. E stamattina il pannolino non era nemmeno particolarmente zuppo, solo un po’ umidiccio e la Rana si è svegliata alle 7 del mattino affamata, dopo che l’avevamo messa a letto verso mezzanotte (aveva preso il latte verso le 23).

Voglio ridurre all’osso l’utilizzo dell’UG. Ho iniziato ad usare i lavabili per le uscite corte e adesso pure per la notte.

Sono fiduciosa.

 

E dopo i pannolini lavabili..

Son pronta ad andare a prendere anche i costumini!!!

Purtroppo con i pannolini da piscina UG mi sono trovata molto male, non riesco a trovare le taglie!!! i Libero a mutanda li trovo solo dagli 11 kg in su e gli Huggies o piccoli o enormi!! Cioè.. i piccoli sono fino ai 7kg e son quelli che ho provato ma alla Ranocchia, nonostante pesi poco più di 6 kg vanno minuscoli e non si chiudono bene!! E poi, dopo l’esperienza coi pannolini Huggies che mi hanno regalato dopo il parto, di questa marca proprio non mi fido.. Dico solo che tengono 1000 volte meglio i lavabili!!! E visto che anche se non vengono sporcati son da buttare via ed è una cosa che mi dispiace davvero tanto dal punto di vista ambientale, ecco che ho deciso di passare al costume contenitivo, almeno se lo usi e non si “riempie” basta dargli una lavata e si può riutilizzare!

A proposito di lavabili, dopo l’esperienza che va a momenti con i pannolini tipo pocket ho provato un nuovo modello per curiosità, sempre di quelli pannolino taglia unica + mutanda: l’ultrafit. L’ho testato proprio un paio di giorni fa, dopo avergli fatto i tre prelavaggi e devo dire che mi sono trovata da dio e mi sono ricreduta sulla chiusura a velcro (io ho comprato tutti i lavabili coi bottoncini per la paura che il velcro si rovinasse ma mi rendo conto che questo tipo di chiusura permette un’aderenza migliore del pannolo alle gambe e alla vita). Credo che quando andrò a prendere il costumino contenitivo nel mio negozietto di articoli naturali e bio, acquisterò almeno altri due di questi pannolini perchè mi piacciono davvero un sacco! E ovviamente la collanina d’ambra, tra un po’ mi sa che ne avremo bisogno!

Colpa del karma..

Ieri sera è venuta a trovarci una coppia di amici che ancora non aveva visto Ranocchia. Indovinate cosa ci hanno portato in dono?

Una torta enorme di pannolini usa e getta con in mezzo un sacco di altre cosine carine, tipo scarpine, prodotti per l’igiene e altro.

Stupenda eh!!! Però è evidente che il karma non approva la mia vena ecosostenibile.

Non ci sono altre spiegazioni.