E poi…

E poi ci sono film, che quando sei mamma proprio non dovresti guardare. Come “Quando la notte” che hanno passato l’altra sera.

E vi giuro che sono andata a letto con l’angoscia. So di potermi definire fortunata riguardo al sonno di mia figlia ma per tutta la parte iniziale del film ho provato a mettermi nei panni della protagonista, ho ripensato a quelle poche notti che ho passato in bianco con Ranocchia in lacrime (e son state davvero poche) e a come mi sentivo la mattina dopo e, a malincuore, mi sono detta “può capitare, se non si è abbastanza forti, se non si ha abbastanza aiuto”. E’ brutto da dire e forse, avessi visto quel film tempo fa, avrei pensato “che madre snaturata…” e invece ora mi rendo conto che per essere una brava madre c’è bisogno di tantissima forza interiore e di un pizzico di fortuna.

E poi c’è il secondo aspetto del film che mi ha colpita a mò di schiaffo. Il tradimento della protagonista nei confronti del marito. Un marito che nel film non si vede mai, un marito che opprimeva la moglie senza però mai essere presente per darle un conforto, un aiuto. Un marito pronto a criticare ma assente per poter far qualcosa di meglio. E al posto del marito era presente Manfred. Il vicino di casa, l’uomo che da bambino venne abbandonato dalla madre. Manfred che provava ostilità nei confronti di Marina ma che alla fine si ritrova ad amarla. Anche dopo 15 anni senza vedersi.

Essere genitori è dura, essere una coppia è dura.

Tempo per me…

E’ vero, la vita da mamma assorbe tutte le energie e sono pure poco presente sul blog, però, sto cercando di trovare un po’ di spazio pure per me, di tanto in tanto. Per ritrovare quella che ero prima. Durante i pisolini della piccola cerco di rilassarmi, di leggere qualche libro, di guardarmi un film. Per la musica purtroppo il tempo è molto ridotto e questo mi dispiace tantissimo. Resto ferma ai miei grandi amori musicali e, già da quando convivo, non ho più molto tempo da dedicare alla scoperta di nuove band anche perchè, diciamocela tutta, le nuove generazioni non stanno offrendo nulla di veramente meritevole. Cose carine sì, ma tutte più o meno simili ad altre. Non ci saranno più un Lou Reed o un Robert Smith o un David Bowie. Eh no. E lo dico con rammarico.

Finalmente la piccola inizia ad essere più autonoma, con lo svezzamento si procede bene quindi spero di poter ricominciare ad andare a qualche live e sicuramente, da più grandicella, non escludo di portarla con me se l’ansiosissimo Ing. eviterà di fare storie.

Il segreto di Vera Drake

Non ne avevo ancora parlato ma vorrei farlo già da qualche giorno. Consiglio a tutti/e questo film che è pure stato premiato al festival di Venezia qualche anno fa come miglior film.
La storia racconta la vita di una donnina inglese, Vera Drake per l’appunto. Ha un marito affettuoso, un figlio e una figlia ormai grandi e la classica vita da casalinga. Nessuno però in famiglia sa che la signora pratica aborti clandestini alle ragazze che glielo chiedono. Sia chiaro che non lo fa per soldi ma perchè ritiene che aiutare ragazze povere, o troppo giovani e non sposate per avere un figlio in una Londra anni 50 perbenista, o madri di già tanti figli che non sanno come mantenerli, sia una cosa giusta. Purtroppo l’aborto all’epoca era vietato ed una delle pazienti di Vera avrà delle complicazioni svelando così il segreto della signora più altri dettagli di cui neanche lei era a conoscenza. Questo porterà un cambio totale alla sua vita, alla sua famiglia e soprattutto al rapporto coi suoi affetti visto che all’epoca l’aborto non era certo visto come una cosa positiva.
Se vi capita guardatelo. Il tema è serio e l’atmosfera del film un po’ cupa ma a me fa sempre piacere vedere come per certi versi la nostra società si sia evoluta in meglio e ora permetta alla donna di scegliere quando è giusto o meno portare avanti una gravidanza senza mettere a repentaglio la sua vita o sfidare le leggi.

Vi lascio col trailer, purtroppo solo in inglese perchè in italiano non l’ho trovato. Se avete Sky è in programmazione anche questo mese.

????

Ma…. VALLANZASCA?????
Perchè era in programmazione stasera su sky e non lo fanno????? E io che ero tutta carica e già pronta spaparanzata sul divano a godermi Kim Rossi Stuart + regia di Michele Placido… Smontata in due secondi sigh sob… Menomale che c’è Cult che fa sempre bella roba e “American Life” sembra comunque interessante.