Le solite delusioni…

E così, mentre prepari la cena, tua madre contatta l’Ing. via Skype e inizia una filippica che va a parare esattamente dove immaginavo:

“eh sai siamo molto occupati, non saremo in grado di esserci per il giorno del compleanno di Ranocchia…”

 

Sapete che mi avrebbe stupita di più il contrario? Sapevo già perfettamente che sarebbe stato così.

E la verità è che non ci sono rimasta nemmeno così male. Ormai ho capito che i miei genitori saranno i  nonni “di serie B”, quelli che vanno bene per portarti il regalo dall’estero quando vengono in visita.

La filippica è poi continuata cianciando sul fatto che sicuramente io ero arrabbiata con lei e l’Ing. doveva assolutamente dirmi che non devo perchè lei adesso ha cose da fare (???????) la e ora che so cosa significa avere un figlio beh… Lei ha lasciato sola sua madre per tanti anni e ora se ne sta occupando quindi io devo capire.

Peccato che la nonna di serie B non si renda conto che paragonare la sua storia alla “nostra” non è esattamente uguale. Mia madre ha scelto volontariamente di lasciare il suo paese per venire qui. Ok, pensava che sarebbe rientrata a breve ma così non è andata e insomma… Mia nonna di certo non l’avrebbe seguita no? E mia madre ne ha sentito la mancanza, tanto. Ma proprio tanto. Del resto la mamma è sempre la mamma no?

Io son sempre stata qui, non mi muovo da nessuna parte. Nel nostro caso, è stata mia madre a decidere di andarsene.

E laggiù sta meglio e io lo so e ormai me ne son fatta una ragione dopo tanti pianti e tanta tristezza, tristezza che ha rischiato di compromettere il rapporto col mio compagno e quello con la sua famiglia, perchè nessuno mi leva dalla testa che questa faccenda abbia a che fare col mio rapporto con la Suocera. Credo che in fondo mi bruci vedere quanto è presente e presa da Ranocchia la famiglia dell’Ing e quanto invece se ne fotta la mia. Poi va beh, la Suocera è pesante, c’è poco da fà… Però in parte provo un po’ d’invidia e mi tocca ammetterlo.

Non le ho parlato. Ero appena tornata dalla palestra, volevo solo mangiare in santa pace senza magoni, farmi una bella doccia calda e godermi l’Ing. e la Ranocchia.

La cosa che mi pesa di più, attualmente, è pensare che i miei genitori si stiano perdendo attimi preziosi in totale leggerezza. Attimi che non torneranno più, attimi importanti per costruire un rapporto, un bel rapporto, con la nipote.

So per certo che, quando verrà il momento, farò di tutto ma davvero di tutto per essere presente per mia figlia, in ogni attimo, quando lei lo riterrà importante. Dovrò esserci, VORRO’ esserci.

Per quanto riguarda i miei genitori…. Contenti loro..

21 thoughts on “Le solite delusioni…

  1. Non può fare un paragone di quando lei è imigrata e adesso, i tempi son ben diversi, i viaggi in aereo costano meno, son più rapidi e sicuramente anche le possibilità economiche son diverse. Altri tempi insomma, ed un conto è andar via dalla famiglia per costruirsi un futuro, ben diverso è non esser presente in certi momenti.
    L’amarezza che ti lascia questa cosa inevitabilmente compromette il rapporto con tu suocera,

    • Ma non fartene una colpa se lei è più presente, se per Ranocchia sarà la “Nonna” di serie A .
      Sam ha i suoi nonni (miei genitori) a 50 km e non li vede mai se non siamo noi ad andare da loro.😦
      Diciamo così: hanno fatto un pò cagare come genitori e come nonni non c’ era d’ aspettarsi gran ché .

  2. Ho una collega in una situazione molto simile. Quando è rimasta incinta i genitori erano appena andati in pensione e hanno programmato un viaggio in camper in giro per l’Europa. Durata: indefinito. Lei si è offesa perchè, non volendo modificare i progetti col marito, diceva che la mamma l’aveva abbandonata. Qualche settimana dopo incontrai la madre e ovviamente non accennai alla situazione (non sono affari miei) che mi disse “so che mia figlia ce l’ha con me. Ho cresciuto 4 figli ed ho dedicato a loro 40anni di vita. Adesso è il momento che io mi faccia la mia di vita”. Che dire, non sono potuta essere che in accordo con la futura nonna. Molto spesso mettiamo davanti le nostre esigenze a quelle dei nostri genitori ma… Tutte le volte che loro l’hanno fatto per noi? Oppure saranno loro sempre e costantemente in debito con noi in quanto figli? Mah …

    • Io sono la prima a rendersi conto che oggettivamente la stanno meglio. Lo so e capisco i motivi per cui vogliono restare all’estero. Il punto é che continuano a tentare di illuderci dicendo “sì sì adesso rientriamo” e poi all’ultimo posticipano. Io vorrei da parte loro solo un po’ di onestà. Volete restare là? Bene, mi sta bene, fortunatamente qui ho persone su cui contare ma almeno siate onesti nei nostri confronti. Poi va beh, mi spiace vedere che magari li sento, cerco di raccontargli i progressi della nipote e mi interrompono per raccontarmi fatti loro del tutto irrilevanti. Della nipotina a volte sembra proprio che non gliene freghi nulla, questo mi brucia.

    • E comunque il discorso della madre della tua amica non mi piace.. “ora é giusto che mi faccia la mia vita”… sei tu che hai deciso di fare figli, i figli non devono ostacolarti la vita ma bensì completarla. Nel momento in cui decidi di avere dei figli la tua vita sono loro ed é con loro. O almeno io la penso così. Il giorno che mia figlia partorirà io vorrò essere con lei e vorrò esserci per i miei nipoti. E comunque noi non abbiamo fatto i conti sul fatto che i miei fossero a casa per tenermi la bimba. A me dispiace solo che si perdano momenti importanti di lei..

  3. ho una situazione un po’ simile…
    la nonna di mattia abita a centokilometri di distanza non sono molt se ci pensi che in autostrada ci si arriva in un oretta.
    il pupo vede la nonna una volta a settimana non avendo piu’ il marito e senza patente deve aspettare sempre mio cognato che la accompagni qui perche’ lei non guida in autostrada..c’e’ venuta perfino quella volta che e’ nato e convincendola quando il piccolo ha fatto il battesimo…ma quante volte mi piacerebbe fare una festa di compleanno tutti insieme..non sai quanto..

      • si il mio compagno porta mattia una volta a settimana dalla nonna..solo la domenica per capirci..
        dicevo che mi piacerebbe che una volta all anno venissero anche loro da noi, sai la benzina costa e siccome mio cognato e’ giovane potrebbe anche farlo.

        spero di essermi spiegata ora ^_^

  4. Non so se ho capito bene la situazione, ma perchè non li raggengete voi? Sarebbe una bella occasione di viaggio. E poi i nonni di serie B sarà tua figlia a decidere chi sono, tra tanti anni, non in base alla distanza.

    • Appena possibile lo faremo, purtroppo é un viaggio lungo, di un paio di giorni, vale la pena andare per un periodo prolungato, almeno 2 settimane e mezzo o 3. Noi abbiamo le ferie ad agosto e il costo del viaggio per noi in quel periodo é veramente elevato. Ad ogni modo il fatto é che loro continuano a dire “sì, questione di poco e rientriamo”… e poi niente. É così da mesi e mesi.. onestamente ci sentiamo presi in giro. Per il discorso dei nonni di serie b parlo per ciò che ho vissuto io… vedevo mia nonna straniera una volta l’anno, per me non era una vera nonna…

  5. E’ ovvio che un genitore con figli ormai grandi ha diritto di farsi una vita anche lontano, anche all’estero…ma qui si parla di alcune occasioni speciali e particolari come il parto di una figlia o il primo compleanno di una nipote….occasioni in cui una mamma dovrebbe essere vicina, e il fatto che non ci sia non può che fare male…mi dispiace tanto😦

  6. Anche io la penso come Skinny, te l ho gia detto cosa penso a riguardo.
    è normale da parte tua desiderare i tuoi genitori vicini almeno in queste occasioni, vorresti anche, immagino, condividere la tua gioia e le tue emozioni (caspita, è il pirmo compleanno..sei mamma da poco!!!) con loro.. proprio perchè gli vuoi bene e per te sono importanti, perchè vorresti che lo fossero anche per tua figlia..che fossero per lei dei nonni presenti e partecipi. Non mi pare egoistico da parte tua, non hai chiesto ai tuoi di tornare a casa e non partire mai più.Solo un po di partecipazione. L unica cosa che mi sento di dire e di cercare di far si che questa cosa non vada ad influire sul pensiero che hai di suocera, magari avrà dei difetti..ma il fatto che sia presente è una cosa bella, è una ricchezza per la tua piccina, e anche un aiuto per voi. Capisco che nel confronto con la famiglia di lui tu un po ci soffra, ma cerca di non metterela su questo piano, di vederle come due cose staccate. Anche per evitare che poi, in attimi di nervosismo, possano influire sul vostro rapporto.
    Ti abbraccio.

  7. mi spiace tanto lady, dalle cose che hai scritto, anche nei commenti non posso che sentirmi dispiaciuta per te perchè capisco che tu ne soffra e che ti manchi la presenza di una parte della fua famiglia non solo per te, ma anche per Ranocchia.
    spero tanto che le cose cambino, nella vita non si sa mai… a volte capita
    te lo auguro con tutto il cuore

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...