Fatiche.

Mattinata e primo pomeriggio passati in pronto soccorso ostetrico perchè stamattina mi sono svegliata con un dolore assurdo sotto l’ombelico e sul costato destro. Mi ha fatto male così per un po’ e soprattutto mentre facevo la pipì, così per levarmi ogni dubbio ho preferito fare un salto in ps visto che so che le coliche renali e gli attacchi di cistite possono essere frequenti e una visitina di controllo in più non fa mai male.
Che pazienza però che ci vuole!!!!
Ad ogni modo nelle attese tra accettazione, visita, attesa dei risultati dell’esame delle urine e diagnosi finale ho visto un sacco di realtà diverse: donne panzutissime prossime al parto, donne per controllo post-parto insieme a figlioletti neonati veramente minuscoli che mi han quasi fatto scendere una lacrimuccia pensando ai prossimi mesi e poi lei.
Lei era seduta di fianco a me, bianca in volto, sguardo triste. Il suo compagno la riempiva di coccole e attenzioni. Ha fatto l’esame del sangue e poi si è seduta in attesa. Piangeva. Il suo compagno/marito non aveva fazzoletti e mia madre ha regalato loro un pacchetto. Quando è tornata dentro per l’esito il suo compagno/marito ci ha raccontato che alla settima settimana il cuoricino del loro piccolo ha smesso di farsi sentire; erano lì per effettuare il raschiamento. Lui ha sospirato e ha detto che se non altro era stato quasi subito e non più avanti, che purtroppo contro la natura non ci si può mettere. Poi lei è uscita e si son diretti verso ostetricia.
Ho ripensato a me alla sesta settimana quando vidi le macchie marroni sulla carta mentre mi pulivo in bagno in ufficio e un brivido mi ha percorsa. La corsa in ps, la rabbia per l’attesa infinita e alla fine il sollievo quando sul monitor ho visto una macchietta nera vibrante in mezzo a quel vermiciattolo che era Ranocchia fino a un po’ di mesi fa e mi hanno detto che era il battito, che tutto era ok e che quelle perdite erano residui vecchi dell’impianto. Sei, sette settimane sono così poche in effetti… Però noi mamme siamo già così legate a quel piccolissimo esserino, non penso che un uomo riuscirà mai a capire fino in fondo questo legame.
Io tutto ok. Il dolore poco a poco si è diradato nel corso dell’attesa, la dottoressa che mi ha visitata temeva la placenta previa (in effetti ero in attesa della visita dalla mia gine per sapere se la placenta si fosse riposizionata bene oppure no) o una colica renale ma la placenta finalmente sembra essere al suo posto e le urine erano ok. Forse solo infiammazione e Ranocchia spaparanzata bellamente sulla mia vescica. Tre giorni di riposo e poi sarò di nuovo in forma.

Che dire.. Son sollievi.

Annunci

16 thoughts on “Fatiche.

  1. anch'io penso che forse un uomo non capirà mai il legame che si crea tra una futura mamma (ma già mamma mentre porta in grembo il suo bamnino) e l'esserino che ancora si sta formando dentro di lei.La mia mamma prima di avere me ha perso un bambino nel passaggio dal terzo al quarto mese. Per quanto sia una cosa abbastanza comune, per lei fu traumatico. Quando ha avuto me ha passato la gravidanza praticamente immobile, ha preso una quantità incredibile di roba tipo ormoni e non so che altro per non rischiare di perdermi di nuovo e subire un altro trauma.Meno male che tu e la tua Ranocchia state bene: chissà che emozione ogni volta che la senti muoversi o la vedi in ecografia! E chissà che bello quando la stringerai per la prima volta tra le braccia!! :.)

  2. Ricordo bene quando andai 6 anni fà al PS del Sant' Orsola e la frase della gine di turno quando mi ha detto: "Qua non c'è più niente." Ricordo quella notte in una stanza da 4 posti letto con una ragazza indiana che mangiava cibo speziato portato dai parenti, una ragazza africana che cantava litanie nella sua lingua schioccando le dita tutta la notte lamentandosi e un' altra ragazza ricoverata alla mattina x un' aborto spontaneo xchè probabilmente il suo "amico" voleva rimanere tale ma l' aveva accompagnata forse x un qualche senso del dovere e poi c' ero io, si io ero lì con loro dentro a quella stanza con la mia storia annegata nel cuore.Ma come mi disse un' amica, se fosse andato tutto bene forse adesso il mio Sam non ci sarebbe, xciò non posso essere infelice.

  3. mamma mia, non oso immaginare.. mi fa molto paura questa possibilità che purtroppo c'è sempre .. fino alla 42ima..bacio sorella di panza, e tieni la fescica al caldo cazzarola, ecco che ti vengono le fitte visto che dormi in mutande..!ascolta la zia, metti un bel paio di pantaloni di cotone la notte..

  4. Sono contenta sia tutto ok. Ho letto il post "sono stanca", io sono in una situazione simile nel senso che il mio ragazzo non mi spalleggia in niente, non gli va bene il mio lavoro il mio modo di essere cosi estroversa etc… E' veramente dura a volte ma io non mollo e continuo a prendere le decisioni giuste per me e per la mia vita. Non ho la minima intenzione a rinunciare a ME. I miei ultimi post parlano di questo. Se vuoi passare. Molto carino il tuo blog inizio a seguirti un bacio!

  5. Che sollievo… e che tristezza per la coppia che hai incontrato, immagino il dolore di lei, tanti sogni e poi…Meno male che va tutto bene da te!E per risollevarti ancora di più…hai sentito dei Cure in italia quest'estate?Biglietto un po' caruccio, eh…ma credo che dovrò andare per forza! :)))

  6. Bene, son felice che alla fine sia andato tutto bene, e che Ranocchietta se ne stia li bella comoda nella tua pancia :)Cmq proprio oggi ho saputo che CollegaAmica è in ospedale perché ha perso anche lei un bimbo a poche settimane…non ho ancora avuto il coraggio di chiamarla perché non so bene cosa dirle. In queste situazioni a volte le parole non bastano mai 😦

  7. Grazie a tutte! Oggi è andata decisamente meglio, ho riposato e passato il pomeriggio con la mia mamma che stiam recuperando l'anno passato divise :)Per quel che riguarda la ragazza seduta vicino a me avete ragione sul fatto che non ci sono parole. Ely sono davvero dispiaciuta per la tua esperienza però guardando il lato positivo effettivamente ora hai quella meraviglia di Sammy che per fortuna ogni giorno ti dona un nuova gioia.Sgiu posso immaginare come ti senti al pensiero di chiamare la tua amica.. Pensa che ieri in ospedale ho visto la ragazza di un mio amico, andava dalle stanze al reparto di ecografia camminando piano con una flebo al braccio.. Subito non l'avevo riconosciuta (lei l'avrò vista due volte in vita mia) ma poi verso ora di pranzo ho visto lui arrivare in ostetricia. Non mi ha neanche notata, ha percorso il corridoio alla velocità della luce. Volevo scrivergli per dirgli che non sapevo che fossero in attesa e come andava ma ho avuto paura.. Il fatto che lei fosse lì mezza zoppicante con una flebo.. Magari poi non aveva nulla di grave ma non volevo rischiare di farlo sentire male o in imbarazzo..

  8. Be hai fatto bene a non dirgli nulla…a volte nel dubbio meglio lasciar perdere…se tutto sta andando bene potrai sempre fargli le tue congratulazioni più avantiIo ho appena mandato un sms alla mia collega dicendole che le sono vicina e che se ha voglia di parlare io son qua…di più al momento non mi sento di fare…ho paura di non essere all'altezza di quello che avrebbe bisogno lei!

  9. Come stai ora? ancora coliche renali?(basta che la ranocchietta si sieda sul rene e partono in soggetti predisposti…)E' triste la storia della tua vicina di sala d'aspetto. Subire un raschiamento non è una bella esperienza, soprattutto con il carico di speranze che c'era sull'embrione. Mi dispiace per lei, per il compagno, sono esperienze che generano grandi vuoti.

  10. Soleil: ora tutto ok anche se ogni tanto la pupattola si spaparanza ancora sulla vescica creando un po' di disagi.. Almeno ora so che è lei e non una cistite o una colica!

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...