Sono stanca

Sono stanca del pranzo dai suoceri ogni fine settimana e del fatto che suocera cerchi di rimpinzarmi come un maiale all’ingrasso ogni volta nonostante non faccia altro che ripeterle che la ginecologa mi ha sgridata per i troppi kg presi e che si senta offesa se decido di saltare il secondo dopo un antipasto, un doppio piatto di primo e con ancora i dolci in arrivo.
Sono stanca delle sue sentenze sulla nascita della bambina, stanca del fatto che voglia a tutti i costi che la piccola sia battezzata nonostante lei sia la prima a non metter mai piede in chiesa, stanca prima dei suoi “MA LA PANCIA NON SI VEDE” ora dei continui “OH ADESSO SI CHE SI VEDE”.
Sono stanca del suo riferire all’universo ogni nostra mossa sull’allestimento della cameretta e la preparazione degli accessori che va bene che la notizia di un bimbo in arrivo è una bella notizia ma non c’è bisogno che ogni parente sappia ogni nostra minima decisione.
Sono stanca di sentire la sua opinione su ogni cosa che dobbiamo comprare e quando ho un’opinione diversa (visto che son io che deciderò in quanto sarò la madre) continui imperrita sulle sue posizioni.
Ma la cosa che veramente mi stanca di più è vedere lui che non prende una posizione, lui che non mi appoggia, lui che se per caso me la prendo si arrabbia perchè “lei è così e non puoi cambiarla”, lui che magari in privato da ragione a me ma non la contraddirà mai. Lui che finisce sempre per pensarla come lei anche quando era d’accordo con me.
E lo so che la suocera è la suocera e ce ne sono di peggio e io mi devo baciare i gomiti perchè poteva andare diversamente e in fondo non è così male ma non ci riesco, forse perchè nel momento in cui sono stata indipendente i miei genitori mi han sempre permesso di decidere da sola senza mettersi troppo in mezzo e per questa nascita non stanno dicendo nulla.
Non perchè non gli interessi, sia chiaro. Semplicemente perchè secondo loro è giusto che siano i genitori a decidere per i propri figli e anche a me sembra giusto così.
E lui che oggi, dopo che sono scoppiata, finalmente arrivati a casa nostra si è arrabbiato quasi più di me perchè gli dispiace e ha ribadito che lei è così e non cambierà quindi devo stare zitta.
No. Per mia figlia non starò zitta. Lo sono stata da quando vivo qui con lui. Mi son fatta andare bene i giudizi sul mobilio della casa, le ispezioni ogni volta che si montava un mobile per “vedere come stava”, le critiche sull’arredamento bianco perchè ai suoi tempi non usava e le critiche al lampadario a palla che abbiamo in camera perchè “di carta non le piace”; critiche che non ha fatto una volta sola ma che ha tenuto a ribadire per mesi e mesi. Per amore di lui son sempre stata zitta, garbata, educata.
La nuora d’oro.
Per amore suo son venuta a vivere in questo paesino, anzi, in questa frazione di paesino scomodo a ogni cosa, dove devi spostarti in macchina anche per andare a buttare il pattume. Per amore suo son rimasta a lavorare dove sono quando le cose erano veramente difficili e avrei solo voluto scappare velocemente. Per amore suo ogni fine settimana andiamo dai suoi genitori e mi rinpinzo come un tacchino di cibo ipercalorico senza nemmeno una verdura di contorno senza mai dire una parola, per amore suo guardo di nascosto le vetrine di vestiti e di tecnologia e mi sento in colpa se acquisto qualcosa perchè lui vuole sempre risparmiare. Per amore suo mi sono sentita in colpa per avergli regalato un cellulare nuovo per il compleanno, sì, perchè lui si è arrabbiato quando l’ha visto e mi ha sgridata perchè non devo buttare via i soldi. Per amore suo più di una volta mi sono sentita in colpa per aver organizzato le ferie e per avere voglia di viaggiare quando lui, se potesse, non uscirebbe dal paesello neanche per andare a lavoro.
Per amore suo ho cambiato completamente la mia vita. E non glielo rinfaccio, lo rifarei perchè è un uomo che merita e appunto, lo amo.
Ma ora non ci sono solo io, non c’è solo lui. Tra poco ci sarà pure la bambina e non starò zitta a guardare chi cerca di decidere al posto mio, chi cerca di interferire nel mio modo di educarla. Perchè io so già che sarà così. E’ così adesso che ancora non è nata figuriamoci dopo. Questa volta me ne infischierò dell’amore suo, per mia figlia sono pronta a infischiarmene; perchè penso che ne valga la pena.
Però quanto fa male non si sentirsi appoggiata dal proprio uomo. Perchè son sempre io quella pesante, quella che non capisce, quella che si deve adattare.
Io sono stanca. Stavolta non voglio mandare giù, ormai sono a livello.

Annunci

15 thoughts on “Sono stanca

  1. eh beh stai anticipando la grande messa in opera di transenne… che in ogni caso per tua tranquillità personale ci sarebbe stata.Eh si,perché ti toccherà precisare che voi siete i genitori e voi gestirete la bimba, i consigli degli altri sono graditi, ma appunto non sono ordini ma pareri, da tenere in conto ma anche no.Lascia parlare tua suocera, e dille sempre no fermamente e col sorriso, dal tacchino, allo "starebbe bene alla bambina" ecc… e alle critiche rispondi con lo stesso sorriso "i gusti sono gusti, il mondo è bello perché è vario ecc…"Lavorati a corpo il fidanzato sul fatto che deve diventar padre, e quello di figlio sarà solo un secondo ruolo. E poi tu metti occhio sulle sue finanze? no. Allora i tuoi soldi puoi amministrarli come ti par più giusto, una spesa ragionata ogni tanto sei giustificatissima :)coraggio, stai su! fra un po' di tempo sarete d'accordo su questi punti base…

  2. Allora…secondo me questo sfogo ci sta tutto ma credo sia scaturito anche sull onda di uno scombussolamento ormonale di quelli tosti.scherzo;-Pbrava, sei ferma e decisa e questo è il primo passo per mettere quegli importanti paletti oltre ai quali non dovete (pure lui, eh) permettere a NESSUNO di passare.

  3. Mi pare di rileggere i miei vecchi post su Qmds: suoceri invadenti e fidanzato rincoglionito. Col senno di poi, di una che si è fatta il culo per costruirsi una famiglia INDIPENDENTE, ti dico che queste cose le supererete tutte solo che per lui ci vorrà sicuramente del tempo. Noi donne abbiamo + facilità a gestirci certe cose loro invece hanno ancora bisogno di appoggiarsi a mammina, di farsi aiutare, di farsi consigliare, di ascoltare ogni cazzata perchè faticano a staccarsi dal ruolo di figli e ad entrare in quello di padri (non che siano ruoli incompatibili, ma gli equilibri devono cambiare). Certo vorrei vedere se l'impicciona che ti ingozza fosse tua madre anzichè la sua, non credo che avrebbe tutta questa tolleranza…armati di pazienza e dagli tempo, ma non cedere. Quando "ha ribadito che lei è così e non cambierà quindi devo stare zitta" non fargliela passare, se lei ha il diritto di essere così tu hai il diritto di essere cosà. I genitori sono importantissimi per tutta la vita ci mancherebbe, ma quando i figli diventano adulti e indipendenti DEVONO essere capaci di fare un passo indietro senza insistere, senza esagerare, senza imporre. Non ti dico mica di fargli la guerra, ma sai come si dice a Roma? Buona sì, cojona no.

  4. Hai presente quella cosa che ti scritto nell' ultima mail sulle neomamme e la natura e l' istinto che prende il sopravvento ? BENVENUTA FUTURAMAMMA, ci saranno momenti di tensione dove tu, non ti preoccupare riuscirai a tenere in mano le redini di ogni cosa xchè le neomamme hanno una grandissima forza nonostante la stanchezza e forse di un po' di baby blues, x tua figlia deciderai TU !

  5. per tua figlia non starai zitta. Anzi per tua figlia zittirai a destra e a manca.e dovrebbe cominciare anche fidanzato, lui ancora non sa cosa vuol dire avere a che fare con una neomamma…. che provi a toccare un cucciolo d'orso.. ecco! Quella sarà la tua reazione ogni volta che qualcuno si intrometterà nella vostra vita a 3.Che stia in guardia, molto in guardia!!a te e al pancino un abbraccio grosso grosso!

  6. Quello che mi chiedo sempre è: ma gli uomini li fanno con lo stampino?Non è il mio caso come sai perché adoro mia suocera, ma quante ne ho sentite di storie come la tua, con i figli che sono del tutto incapaci di contraddire la loro mammina davanti a lei, per poi concordare con la moglie quando si è da soli sul fatto che "rompe":Ma tu fatti sempre sentire quando ce n'è bisogno e non farti scrupoli!!Un abbraccio

  7. Lady, ti comprendo bene. Ma per esserci passata due volte (ed era mia mamma, non mia suocera!) ti posso dire due cose:La prima, che probabilmente i commenti di tua suocera sono appunto questo: commenti. Spiacevoli, fuori luogo e fastidiosi, ma "solo" commenti che meritano più un'alzata di spalle e magari una rispostina sagace che non la tua rabbia o dispiacere. L tua reazione, comprensibile e giustificata, è forse data anche dal momento delicato che stai vivendo. Tutte ci sentiamo tigri pronte al balzo quando un figliolo ci cresce dentro, non è così? Perciò non prendertela. Non nel senso di stare zitta (questo mai!) ma nel senso di non farti il sangue amaro… Io avevo due risposte standard. Una era la classica "quando è stato il tuo turno decidevi tu, ora è il mio turno e si fa a modo mio che son la madre" e l'altra, relativa ai gusti sui mobili ecc… Era "non ti piace? Bè allora fortuna che sta in casa mia e non nella tua".La seconda cosa è che un uomo assai difficilmente si metterà in aperto conflitto con sua madre, e questo è ahimè un dato di fatto che non cambia. Perciò non provarci nemmeno: ti darà ragione in privato (se sei fortunata) e tacerà quando è il momento. Sono tutti così. E per te è la via verso l'esaurimento nervoso. Tieni pronte le tue belle risposte, dalle con calma e con determinazione (che litigare non serve… ) e vedrai che tutto andrà bene. Se tua suocera è un po' impicciona, lo resterà… Ma tu la gestirai molto meglio!Stai tranquilla!!!BaciA.

  8. Calma e sangue freddo… mi accodo a chi ti consiglia risposte calme, determinate e gentili. E' l'unica via per stare meglio tu e allentare la morsa suoceresca. Io sono convinta che con il giusto caratterei saprai ammorbidire molto le tensioni e ricavare il giusto distacco della tua famiglia da quella del tuo compagno. Forse, quando diventerà padre, capirà anche lui, almeno per amore della sua bambina. Ha ragione chi dice che un uomo diventa padre nel meomento in cui tiene in braccio la sua creatura, mentre una donna nel momento in cui capisce di essere in attesa. Hai un vantaggio di diversi mesi su di lui e sulla sua esperienza/maturità. Non dico che si schiererà al tuo fianco completamente, ma forse saprà capirti meglio e aiutarti a gestire la situazione con questa invadente madre, almeno per quanto riguarda opinioni e decisioni riguardanti la vostra ranocchietta…

  9. grazie del sostegno ragazzuole, come diceva Lunatica, ho scritto in un momento forse di sballo ormonale ma si tratta comunque di cose che penso.. E quando si esagera finisce che scoppio e domenica è stato così. Fortunatamente le cose ora sembrano essere tornate alla normalità e lui mi ha assicurato che per le cose importanti saremo solo noi a decidere fregandocene del parere degli altri. Consigli ok ma poi si fa come diciamo noi. Mi auguro di tutto cuore che sia davvero così.

  10. oh ma dove è finito mio commento?? pizzaaaa… vabbè volevo dirti che sto passando periodo simile da natale per cause simili, coraggio.. besos

  11. mmm. spero che gli cadano le fette di salame dagli occhi… ne ho lette tante di storie tra nuora e suocera, come ben sai, purtroppo molte ancora peggio della tua… E' inutile, finchè il marito/fidanzato/compagno di turno non mette al suo posto la madre invece di dire che comprende MA "lei è fatta così" la lotta delle nuore è come quella di Don Chisciotte contro i mulini a vento… Tanto impegno zero risultati… Posso solo dire di far capire a tuo marito che se lui giustifica sempre e solo la madre non si rende conto di come stai tu e che anche tu hai bisogno di essere non solo compresa ma pure appoggiata perchè non vuoi esseere schiacciata dagli eventi e fagli pure un po' di paura dicendogli "guarda che io, ora, ti amo ma con il tempo a trovarti sempre contro potrei stancarmi, non voglio averti come nemico, cerca di renderti conto di come sto e come la vivo e di capirmi prima che sia troppo tardi… Voglio solo essere appoggiata nelle mie decisioni, anche perchè tra poco le mie decisioni influiranno sul benessere e sul futuro di NOSTRA FIGLIA"SilviaP.S.: eccheccavolo!!! che tassa! tutta la mia comprensione penso che non potrei sopportarla una situazione del genere

  12. wonder: non posso che capirti… Poi immagino che tu, essendo divisa da tanti km da tua madre sia abituata alla vita indipendente per cui le intromissioni da parte di persone che non sono nemmeno "parenti stretti" (intendo di sangue, in quanto sono in realtà parenti del tuo uomo) possono dare anche più fastidio del normale.. Per me è così ad esempio.. I miei genitori mi han dato da fare durante l'adolescenza ma da quando lavoro mi han sempre lasciata abbastanza libera di fare le mie scelte in autonomia..Silvia: come hai detto anche tu di storie suoceresche peggiori ne conosciamo a bizzeffe e la verità è che preferisco una suocera come la mia ad una come quella della vicina di mia madre che non solo ha rotto i rapporti con figlio e nuora da quando hanno avuto il bambino ma non ha mai neppure voluto vedere il nipotino!!! Queste mi sembrano cose inconcepibili, è sempre sangue del tuo sangue, come puoi essere una donna così arida ed egoista? Almeno so che suocera adorerà la piccolina e questo è tanto.. Il che non toglie il fatto però che spesso riesca ad essere pesante come un macigno 😀 Mi auguro che Fidanzato abbia davvero capito la situazione e sia in grado di avere polso per le situazioni importanti..

  13. mi dispiace tantissimo che la suocera ti renda nervosa in un periodo delicato come quello della gravidanza, dove si sa che dovresti star tranquilla e non farti venire i mal di pancia… ma anch'io mi innervosisco sempre per la mia e temo che se e quando resterò incinta le cose precipiteranno sia dal lato della sua invadenza, sia dal lato del mio nervosismo… (speriamo senza conseguenze per un futuro bimbetto!)ma il tuo compagno proprio non ce la fa almeno a risparmiarti la frequentazione di una persona così nociva in un periodo in cui devi star tranquilla??? 😦

  14. c'è una sorta di deja-vu in questo post.la prima volta che scambiammo un opinione, e ribadisco, quello che scrissi allora: Io considero la mia famiglia quella che che sto costruendo con Pitulice. L'altra, quella dove sono cresciuto, rappresenta il passato.e dovrebbe essere così. Per tutti. E spero anche per voi, il prima possibile!

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...