Musica dei ricordi

Ieri mentre andavo in ufficio ascoltavo come al solito Virgin Radio ed ecco che il buon Doctor Feelgood decide di passare un pezzo a me noto. Nulla di che, un gruppetto giovane, musica carina, danzereccia ma non favolosa: il pezzo è dei Fratellis e si chiama Chelsea Dagger.
La mia mente è stata riportata indietro di circa 4-5 anni quando io non stavo con Fidanzato ed ero molto più scalmanata e quando MiglioreAmica non si riteneva ancora così dark da annoiarsi a tutte le serate che non fossero dark. E si andava nel nostro localino di fiducia in mezzo al parchetto della nostra città preferita e si passava prima dal barettino dell’ARCI sotto al locale per bersi qualche Montenegro anche se spesso qualche bottiglietta d’acqua “modificata” (alcolici sia chiaro.. niente droghe) stava nascosta nelle nostre borsette. Ricordo in particolare di una sera in cui nella mia borsa avevo una bottiglia di Montenegro. Non piena, a metà, ma fu una tragedia finirlo. Perchè poi andava finito che non volevo tirarmi dietro la bottiglia per tutta la serata per cui si beveva fino all’ultimo goccio. E si poteva fumare dentro ed io, nonostante i vestiti puzzolenti ero felice perchè piuttosto di andare fuori al freddo a fumare preferivo rischiare i polmoni con aria tossica e il Montenegro saliva così velocemente che si finiva a conoscere e sbaciucchiare individui di sesso maschile che sarebbero spariti nel giro di 12 ore e in pista a ballare come pazze ogni pezzo minimamente orecchiabile. Chelsea Dagger dei Fratellis era uno di questi, perchè, nonostante sia un pezzo molto semplice ti fa proprio venire voglia di saltellare e divertirti. E noi si ballava sempre il pezzo dei Fratellis. E alla chiusura del locale i buttafuori cercavano di spintonarti carinamente verso l’uscita perchè la serata ormai era finita ma sarebbe stato bello continuare a ballare fino a cadere sfinite sul pavimento appiccicaticcio e sporco di cicche e passavo l’intera giornata seguente a riprendermi con un po’ di mal di testa e soprattutto male ai piedi per poi essere nuovamente carica la sera e ripetere il tutto.

Sembra una vita fa.

Annunci

4 thoughts on “Musica dei ricordi

  1. Bei ricordi che in parte potrebbero essere i miei, anche se con brani differenti, ad esempio io ricordo bene Crank dei Catherine Wheel, The Passenger di Siouxsie, Moonchild dei Fields of The Nephilim…pezzi imperdibili sulla pista…

  2. siiii…quanti ricordi! le mie serate danzerecce si sono diradate a dismisura anche se non ho una panza con ranocchia in arrivo – sarà l'età? ricordo i giovedì sera rock aggratis e i venerdì sera dark e i sabato ancora rock ingressoapagamentomaconconsumazione… insomma una tre giorni di sfinimento risate alcol e tipi improponibili. Ti capisco anche per me è passato poco tempo, forse tre/quattro anni, ma sembra totalmente un'altra epoca.

  3. Soleil: ehhh lo ska lo ballavo anche io spesso.. soprattutto l'anno del diploma, ancora più indietro :)Rosie: quant'è bella questa sensazione di trasporto indietro negli anni che sa provocarti una canzone passata alla radio? Belli anche i tuoi pezzi!Polly: E' inutile anche prima dei figli la stabilità non solo della famiglia ma anche di un fidanzamento duraturo ti cambiano inevitabilmente.. Saranno anche gli anni che passano (ci sto male ad ammetterlo) ma la verità è che ora come ora stare alzata oltre l'una è davvero faticoso e questo già prima della panzotta!

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...